l’Arturità | La Sdraio – Le Liberazioni non finiscono mai

l’Arturità | La Sdraio – La Pasqua di Arturo
17 aprile 2017

l’Arturità | La Sdraio – Le Liberazioni non finiscono mai

l’Arturità | La Sdraio – 25 Aprile 2017. Forse sta tutto lì. Nello scarto fra la parola “libertà” e la parola “liberazione”. Fra il trovarsi una cosa bell’e fatta, come ci siamo trovati – la maggior parte di noi – la democrazia, e doversela sudare, vederla come un orizzonte lontano e pericoloso: come il profilo di una costa se sei in mezzo al mare, in un barcone sorvegliato da schiavisti armati.
Perché dentro quella parola, liberazione (senti, a pronunciarla, come ti riempie la bocca e i polmoni e il cuore?), c’è la libertà e c’è l’azione, tutto quello che hanno dovuto fare i ragazzi e le ragazze, gli uomini e le donne, e persino i bambini, per conquistarsela.

C’è quel divenire, quella promessa, quella speranza, quell’utopia per cui ogni libertà devi liberarla ogni giorno, e agire ogni giorno.
E’ una cosa molto arturiana, questa libertà imprendibile, questa liberazione ininterrotta, che richiede ogni giorno un gesto d’amore e di guerra, di pace e di lotta, perché – come la liberazione – i fascismi non finiscono mai: quelli vecchi che tornano, quelli che nuovi che avanzano.
Restare Arturi vuol dire, anche, non smettere di vigilare, di agire, di volere.
Perché la Liberazione non finisce mai.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi